mercoledì , 13 dicembre 2017

Phuket

Phuket significa montagna di cristallo, dalla parola malese bookit (Bukit). Conosciuto Anche come The Junk Ceylon, nome impresso nella maggior parte delle vecchie carte geografiche.

Phuket è la più grande isola della Thailandia ed è collegata alla terraferma a Phang Nga dal ponte Sarasin.
Ad 850 km a sud di Bangkok è molto più sviluppata rispetto a qualsiasi altra isola della Thailandia.
Da Nord a Sud l’isola misura circa 50 km ed è larga circa 21 km.

Il terreno è incredibilmente vario, con alte montagne (la più alta misura 529 metri), promontori rocciosi, lunghe spiagge sabbiose, vegetazione tropicale e piantagioni di gomma.
Phuket Town è un posto interessante, con fusione di architettura portoghese e tailandese, presenta alcuni buoni ristoranti e alloggi a prezzi ragionevoli.

Phuket ha una popolazione di 292.245 (fine 2005) con circa 63.000 persone che vivono a Phuket Town. Prima dello sviluppo dell’industria turistica (da metà degli anni ’70), Phuket era nota per le sue miniere di stagno e la produzione di gomma.

Turismo a Phuket

Oggi l’industria del turismo è la principale fonte di reddito e i turisti si concentrano particolarmente nelle zone di Patong, Karon e Kata Beach.
Ci sono in totale 17 spiagge sabbiose molte delle quali quasi incontaminate dal turismo di massa. Se volete sperimentare l’originale Thailandia non c’è bisogno di andare lontano dalle zone turistiche.
Alcune persone trovano Phuket molto sfruttata e turistica, ma di solito non sono mai stati fuori Patong e credono che la spiaggia di Phuket sia solo Patong.
Questo è un errore da non fare. È molto facile esplorare le meraviglie naturali di Phuket e solo per visitare le 17 spiagge servirà ben più di una settimana.

La provincia di Phuket ha anche un certo numero di isole al largo da visitare ed è anche uno dei punti di partenza per le fantastiche Isole Similan. Al centro dell’isola si trova una delle ultime foreste pluviali e anche un centro di riabilitazione per le scimmie, che vale la pena visitare.